Oggi è 15/12/2017, 2:32



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 36 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: da saldatrice ad inpuntatrice
MessaggioInviato: 27/03/2015, 0:28 
Non connesso

Iscritto il: 11/01/2015, 23:34
Messaggi: 1926
Regione: Toscana
Ike ha scritto:
Veramente in toscana il porta a porta ce lo abbiamo quasi dappertutto da almeno 5 anni.
Non so dove abiti Giu ma da noi ci sono poco anche le isole ecologiche....


Sono esule a Massa per amore : Lol : qui tendono a fare cose un filo incomprensibili, prima o poi al porta a porta si arriverà, quando una luna rosso sangue si farà portatrice di dolore e sciagure!!! A parte le segate, in quasi tutta la versilia hanno cominciato nel 2008 mi pare, e salvo qualche stupidaggine è filato tutto liscio, con mia grande sorpresa. Anche se lingue biforcute riferiscono di differenziata riversata in cumuli comuni e dirottata... altrove...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: da saldatrice ad inpuntatrice
MessaggioInviato: 27/03/2015, 8:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 10/08/2014, 22:11
Messaggi: 3577
Regione: calabria
da me a Palmi da moltissimi anni (forse decina) abbiamo una grande azienda privata la RA.DI. quasi monopolista che controlla in un grande circondario il mondo della spazzatura, recuperano e rivendono il tutto scartando i metalli , la carta, la plastica, addirittura i dipendenti raccontano di una "macchina" che trasforma i "rifiuti umidi" (gli scarti alimentari che voglio/raccolgono a parte) in carburante per i loro mezzi diesel

P.S. preferisco di gran lunga il riciclo e riutilizzo delle cose allungando la vita con modifiche e riparazioni. (jeri mi son fatto un oliatore)

_________________
C'E' IL SOGNO E C'E' LA REALTA'
"i miseri non amano la verità e la conoscenza che li svegli"
-----------------------------------------------------------------
“È difficile parlare con chi confonde Austria con Australia.
Ma non possiamo farci niente; questo è il livello culturale del politico americano medio.
Per quanto riguarda il popolo, l’America è veramente una grande nazione se i suoi cittadini riescono a sopportare una tale ignoranza.”
Vladimir Putin
(e noi Italiani copiamo in tutto gli americani)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: da saldatrice ad inpuntatrice
MessaggioInviato: 31/03/2015, 22:58 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 10/08/2014, 22:11
Messaggi: 3577
Regione: calabria
Calico ha scritto:
Mimmo, ho studiato: a entrambi serve una saldatrice elettrica a inverter! Molta potenza, pochissimo consumo di corrente, arco pulito e grande resa. Quelle a wattaggio variabile, con vari tipi di elettrodo, fanno sia lavori piccoli che grandi. Non tig, perché poi non saprei come ricaricare la bombola a miscela di gas! Io navigo con la ciambella; vedi tu, col tablet e Wi-Fi, se trovi qualcosa di economico!

possiedo tre saldatrici più la quarta smontata per esperimento,
una della telvin a filo , una inverter che fa anche tig ed una comune vecchio modello.
ho pure i cannelli ossi-propano, la puntatrice mi manca ma non deisito

_________________
C'E' IL SOGNO E C'E' LA REALTA'
"i miseri non amano la verità e la conoscenza che li svegli"
-----------------------------------------------------------------
“È difficile parlare con chi confonde Austria con Australia.
Ma non possiamo farci niente; questo è il livello culturale del politico americano medio.
Per quanto riguarda il popolo, l’America è veramente una grande nazione se i suoi cittadini riescono a sopportare una tale ignoranza.”
Vladimir Putin
(e noi Italiani copiamo in tutto gli americani)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: da saldatrice ad inpuntatrice
MessaggioInviato: 20/04/2015, 20:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 10/08/2014, 22:11
Messaggi: 3577
Regione: calabria
oggi ho ripreso la saldatrice modificata ed alimentata , ho collegato del fil-di-ferro da 2,5mm e mandata alimentazione, il filo prima e diventato rosso e poi si e fuso interrompendo il "corto-circuito" rifatto con doppio filo di ferro e dinuovo arroventato e fuso , credo che il sistema funzioni, adesso appena ho tempo la rimonto e vediamo come va.
il video della operazione.

https://www.youtube.com/watch?t=13&v=IJAdCYtj5bI

_________________
C'E' IL SOGNO E C'E' LA REALTA'
"i miseri non amano la verità e la conoscenza che li svegli"
-----------------------------------------------------------------
“È difficile parlare con chi confonde Austria con Australia.
Ma non possiamo farci niente; questo è il livello culturale del politico americano medio.
Per quanto riguarda il popolo, l’America è veramente una grande nazione se i suoi cittadini riescono a sopportare una tale ignoranza.”
Vladimir Putin
(e noi Italiani copiamo in tutto gli americani)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: da saldatrice ad inpuntatrice
MessaggioInviato: 01/08/2015, 20:42 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 07/11/2012, 20:49
Messaggi: 1501
Regione: piemonte
Calico,nelle saldatrici ad elettrodo non e' il voltaggio che varia,ma l'amperaggio.
ad esempio la mia e' sia 220 che 380 trifase,ma la regolazione modifica da 80 a 200 ampere'.
per gli inverter....non so', e per quanto riguarda gli elettrodi variano da 1 mm a 3 e piu' per quelle potentissime.
online non ne ho idea,ma se vai da un buon ferramneta li vendono a pacchi....e pure in 308 inox.

_________________
ten driss Cuion che tuch i sciopp in bunn!!!
"Nonno Carlo".


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: da saldatrice ad inpuntatrice
MessaggioInviato: 03/08/2015, 7:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 10/08/2014, 22:11
Messaggi: 3577
Regione: calabria
Calico ha scritto:
Ho capito solo mezza risposta. A me interessava anche sapere, tra gli elettrodi, prima di applicare la saldatura sul pezzo, qual è la differenza di potenziale, delle saldatrici classiche e di quelle nuove, più piccole, ad inverter; l'unica cosa che so è che si chiamano così perché sono un po' come gli alimentatori dei PC: non si attaccano direttamente al contatore per la potenza, ma un circuito elettronico eleva la corrente e la disaccoppia, stivandola provvisoriamente, istante per istante, dentro un circuito a condensatori, in modo da poter fornire centinaia di watt, senza il rischio di far scattare il limitatore del contatore della luce! : Smile : Cioè, l'uscita è a 12-24-48 volts oppure quelle ultime ad invertert erogano più corrente anche perché è più alta la tensione in uscita? Circa il mio ferramente, quel rincoglionito si è messo a vendere anche le lampadine, ma per saldatura e trafilatura non ha una beneamata m....izzega!

ciao calicuzzo, cerco di rispondere:
tra gli elettrodi prima del corto circuito vi e la tensione massima che fornisce il sistema.
normalmente il sistema e progettato per dare una tensione sugli elettrodi sui 50...70V il concetto e bassa tensione alta carrente in modo che con la bassa tensione se si tocca si prende al massimo una scossa leggera, comunque ogni saldatrice ha le caratteristiche di tensione di uscita.
nel momento che l'elettrordo tocca si crea il corto circuito che fa scaricare la corrente che fonde il metallo (concettualmente)
adesso nelle moderne inverte si utilizza una frequenza portante che tende ad innescare il cortocircuito quasi prima che i due metalli vengano in contatto.

P.S. la puntatrice e finita e funzionante, per la sottile lamiera e perfetta, per la spessa sui 1,5mm chiede troppo energia e tende a riscaldare.
come costituzione ho fatto degli errori visto che il sistema che porta gli elettrodi terminali tende a riscaldare e visto che sono supportati tramite isolamento di bachelito comunque sia tendono a bruciarsi.
dovevo lasciarli senza isolamente ma abbastanza robbusti da essere auto portanti, e non e detto che un giorno non li modifico.
mi sono procurato un trasformatore di micro-onde ma a vista e paragone con la mia modificata da ex-saldatrice sembra veramente ridicolo.
uno di questi giorni faccio un video di come funziona, visto che devo creare una cappello di comignolo in lamierino per un altro esperimento

_________________
C'E' IL SOGNO E C'E' LA REALTA'
"i miseri non amano la verità e la conoscenza che li svegli"
-----------------------------------------------------------------
“È difficile parlare con chi confonde Austria con Australia.
Ma non possiamo farci niente; questo è il livello culturale del politico americano medio.
Per quanto riguarda il popolo, l’America è veramente una grande nazione se i suoi cittadini riescono a sopportare una tale ignoranza.”
Vladimir Putin
(e noi Italiani copiamo in tutto gli americani)


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 36 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Nonostante tutto, orgoglioso di essere italiano
Theme designed by stylerbb.net © 2008 modified by Ike
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it
Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]