Oggi è 18/12/2017, 9:09



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: H&K Mark 23
MessaggioInviato: 19/05/2017, 18:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 05/03/2016, 15:43
Messaggi: 348
Località: Ghenebe
Regione: Siben Komoine
Sono il felice possessore si questa splendida creazione di casa H&K, la quale mi continua a regalare enormi soddisfazioni.
Per omaggiare l'arma, sembra giusto raccontale la sua storia.
La nascita di un’arma particolare come la Mark 23 è dovuta a una richiesta del Socom (Special operations command) statunitense, il comando che riunisce le forze speciali dell’esercito (delta force, ranger e berretti verdi), della marina (Seal) e dell’aviazione (Sow). Il Socom, alla ricerca di armi specializzate da fornire a questi reparti d’élite, ha emesso un bando di concorso, nel 1991, per la fornitura di un’arma corta "offensiva" (il programma di sviluppo era, infatti, definito Ohws, Offensive handgun weapon system).
Il termine "offensiva" veniva utilizzato specificamente per definire un’arma corta silenziabile, equipaggiata con sistemi di mira laser da utilizzare nelle incursioni in tutte quelle circostanze in cui non fosse possibile, o consigliabile, l’utilizzo dell’arma lunga.
Tra i punti fermi della richiesta figurava il calibro .45 Acp, specificando chiaramente l’impiego di palle di 230 grani Fmj e 185 grani Jhp +P. Queste ultime, essendo ufficialmente destinate a un utilizzo antiterrorismo, non ricadono sotto il divieto posto ai militari dalla convenzione di Ginevra di utilizzare munizioni non blindate.
La capacità minima ammissibile del caricatore era di 10 colpi, mentre la vita operativa minima garantita doveva essere di 30.000 colpi. Considerando che la durata di un’arma corta militare è, generalmente, stabilita in 10.000 colpi, risulta chiaro che il lavoro dei progettisti fosse quanto mai impegnativo.
Le dimensioni consentite erano generose: 245 mm di lunghezza, 35 di spessore e un’altezza di 150 mm.
Con il silenziatore installato, la lunghezza totale poteva arrivare a un massimo di 400 mm. Dal punto di vista prettamente operativo, era richiesta una leva della sicura separata da quella dell’abbatticane, organi di mira regolabili e la predisposizione per il montaggio di un sistema di puntamento con luce bianca (torcia), proiettore infrarosso e laser. Gli unici due produttori a rispondere al bando furono la Colt, con una versione a fusto allungato della Double eagle, e la Heckler & Koch, con un prototipo con fusto in polimero.
I test furono effettuati su due lotti di 30 pistole ciascuno. Le prove prevedevano l’immersione dell’arma per 96 ore in ambiente salino, esposizione a intemperie, maltrattamenti di ogni tipo (in un range di temperatura compreso tra 73 e -50 °C) e verifiche di precisione e affidabilità. Tra le varie "torture" era previsto l’utilizzo di 30.000 cartucce .45 Acp +P e 6.000 cartucce a carica forzata. Nel corso dei test emerse, senza ombra di dubbio, la superiorità del prototipo Heckler & Koch sul concorrente Colt: l’arma fu adottata ufficialmente con la denominazione di Mark 23, model O, e il primo esemplare di serie fu consegnato al Socom il primo maggio 1996.
La versione disponibile sul mercato civile della Mark 23 è pressoché identica alla versione marziale: le poche differenze sono a carico del carrello, che non riporta la dicitura "Us-govt. cal .45" e presenta i punzoni dei banchi di prova tedeschi.
In Italia, inoltre, è stata eliminata dalla canna la filettatura per l’installazione del silenziatore.
L’arma viene consegnata in una robusta valigetta in alluminio anodizzato, con caricatore di scorta, rosata di prova, manuale d’istruzioni (inglese e tedesco) e quattro guarnizioni (o-ring) di colore verde.
Di primo acchito colpiscono le dimensioni dell’arma, decisamente fuori dall’ordinario: la lunghezza del carrello, in particolare, fa di questa pistola un vero e proprio mastodonte.
Il massiccio otturatore, nichelato e successivamente trattato con la speciale vernice antiossido Cernit 50, è in compenso rifinito in maniera impeccabile, tanto all’esterno quanto internamente.
La chiusura geometrica è basata sul classico sistema Browning modificato: la canna è vincolata al carrello per mezzo della camera di scoppio che, con la sua estremità superiore squadrata, si inserisce entro la finestra di espulsione.
All’atto dello sparo, canna e carrello rinculano in modo solidale finché un piano inclinato posto sotto la camera, contrastando con un profilo ricavato nel fusto, causa l’abbassamento della culatta, a quel punto, la canna si arresta e il carrello prosegue la sua corsa retrograda, estraendo ed espellendo il bossolo vuoto.
Uno dei fattori che più contribuisce alla robustezza dell’arma è il guidamolla ammortizzato: realizzato in acciaio e chiaramente sovradimensionato, presenta due molle a spire contrapposte. Quella esterna, più lunga e sottile, assolve alla classica mansione di molla di recupero; l’altra, in filo armonico di maggior spessore, ammortizza l’urto di fondo corsa del carrello, evitando così che si scarichi sul fusto.
Questa impostazione consente anche di utilizzare una molla principale di recupero non troppo dura, che influirebbe negativamente sulla stabilità nel ritorno in batteria. Il fusto è realizzato in polimeri e rinforzato con guide in metallo inserite in fase di fusione.
L’impugnatura è zigrinata anteriormente e posteriormente, mentre ai lati è posta una texture antiscivolo molto funzionale. Il ponticello è, come tutto il resto dell’arma, sovradimensionato, per tre motivi: consentire l’utilizzo dell’arma anche con i guanti più spessi; offrire un solido ancoraggio posteriore al Lam (Laser aim module), il sistema ausiliario ottico con laser di mira; proteggere dagli urti il pulsante di sgancio del caricatore.
Quest’ultimo, ambidestro, viene attivato premendolo verso il basso. Sul lato sinistro del fusto, in posizione incassata, si trova la leva dell’abbatticane, separata, a differenza della H&K Usp, dalla leva di sicura manuale.
Utilizzabile solo a sicura disinserita, consente di abbattere il cane accompagnandolo durante la caduta, in modo estremamente silenzioso.
La leva della sicura, ambidestra, si inserisce spingendola verso l’alto.
Può essere inserita solo a cane armato ed è integrata visivamente da due indicatori colorati: rosso, arma pronta al fuoco, bianco, arma in sicura.
In effetti, dato il sistema di scatto ad Azione mista, sarebbe risultata sufficiente la sola leva abbatticane, ma evidentemente i tecnici tedeschi devono aver considerato che un sistema di sicura simile a quello della cara, vecchia Government (a tutt’oggi, Oltreoceano, considerata il punto di riferimento fondamentale per le armi corte) sarebbe risultato gradito ai militari yankee.
Il cane presenta la cresta arrotondata e ricoperta di gomma antiscivolo, caratteristica comune anche alle pistole della serie Usp.
I componenti metallici del gruppo di scatto, l’espulsore e l’attuatore della sicura al percussore sono nichelati in funzione anticorrosione, mentre la barra di trasmissione e il grilletto (rigato longitudinalmente) sono anodizzati neri.
Nella parte anteriore inferiore del fusto è annegata in fusione la piastrina metallica recante il numero di matricola.
Qualche parola merita anche la canna: dal momento che, originariamente, era prevista l’installazione di un silenziatore, sporge dalla faccia anteriore del carrello per 13 mm circa.
La filettatura è stata, però, asportata mediante tornitura, lasciando una zona in bianco che crea uno strano effetto estetico.
La rampa di alimentazione è lucida e ben raccordata al fusto.
La rigatura è di tipo convenzionale, a sei principi destrorsi, l’anima è cromata internamente.
Qualche millimetro prima della volata, intorno alla canna, è ricavato per tornitura un sottile alloggiamento, che accoglie un o-ring di colore verde.
Questa soluzione permette il corretto centraggio della canna nel carrello fra un colpo e l’altro, senza dover ricorrere a costosi aggiustaggi manuali e garantendo, comunque, la massima affidabilità. L’o-ring, ovviamente, tende a consumarsi con l’uso e va sostituito ogni 5.000 colpi circa con una delle guarnizioni di ricambio fornite di serie.
Il caricatore, bifilare a presentazione singola della cartuccia, ha la capacità 12 colpi.
È realizzato in metallo ed è forato posteriormente, per verificare il numero di colpi contenuti.
La pistola è grossa e ha un aspetto alquanto "cattivo", l’impugnatura è ben proporzionata, molto simile a quella di una bifilare calibro 9 mm con il fusto metallico (le polimeriche sono tendenzialmente più sottili): solo chi ha mani davvero piccole potrà sentirsi leggermente a disagio, chi, invece, ha l’abitudine di sparare appoggiando il pollice destro sulla leva della sicura, potrebbe lamentare uno spessore un po’ elevato della parte superiore del fusto.
I comandi risultano facilmente azionabili: solo lo sgancio del caricatore risulta più comodo da azionare con l’indice della mano forte, invece che con il pollice.
Con il caricatore vuoto, l’arma risulta tendenzialmente appruata: si riequilibra solo inserendo il caricatore pieno.
Le mire risultano piuttosto alte sulla mano, per due motivi: il monumentale carrello e la necessità, nella versione militare, di poter collimare anche con il silenziatore installato.
Lo scatto in Doppia azione, seppur scevro da grattamenti o impuntamenti, risulta abbastanza pesante, la Singola scatta appena oltre i 2.000 grammi e, dopo qualche colpo a vuoto per abituarsi, risulta ben gestibile.
Il ciclo di riarmo risulta chiaramente avvertibile, ma il rinculo, grazie anche alla notevole massa dell’arma, è molto morbido.
Nel tiro mirato, la precisione è veramente ragguardevole.
Nonostante lo scatto non leggerissimo, la precisione dell’arma teutonica si sposa molto bene con questa munizione nazionale.
Gli organi di mira sono tarati per i 25 metri, ma non per il tiro accademico, con questa dove miri il colpo va.
Se, nel tiro mirato, il pacato comportamento dell’arma è di aiuto per "spremere" la massima precisione, nel tiro rapido risulta leggermente disorientante: il pastoso rinculo della pistola fa sì che quest’ultima sia meno "reattiva" di quanto ci si aspetti, generando una sgradevole sensazione di inerzia.
Nonostante le dimensioni e la particolare destinazione dell’arma, il porto occulto per difesa personale è perfettamente possibile.
A distanza di qualche anno, solo ora si riescono a trovare delle fondine dedicate.
Nonostante la mole, la Mark 23 è piuttosto piatta (le sicure hanno una superficie ridotta e l’abbatticane è incassato nel fusto) e si porta agevolmente.
Per l’appassionato, i test rigorosi che hanno visto protagonista la Mark 23 sono una garanzia assoluta di affidabilità e durata nel tempo: la gratificante precisione, inoltre, ne fa un "attrezzo" capace di regalare soddisfazioni notevoli sulle linee di tiro.
Lunghezza canna: 149 mm
Lunghezza totale: 245 mm
Spessore: 35 mm
Altezza: 150 mm
Peso: 1.210 grammi

Un po' di risultati a 25 metri in appoggio con le SWC da 200 gn e 4,7 di GM3

Dodici colpi
Immagine
Immagine

Anche a 50 meri si difende bene
Immagine

Effetto coreografico caricandola con PN
Immagine

_________________
Solo quando una zanzara si posa sui testicoli, ti rendi conto che c'è sempre un modo per risolvere i problemi senza usare la violenza


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: H&K Mark 23
MessaggioInviato: 19/05/2017, 18:37 
Non connesso

Iscritto il: 11/01/2015, 23:34
Messaggi: 1930
Regione: Toscana
Però, bel bestione, complimenti!!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: H&K Mark 23
MessaggioInviato: 20/05/2017, 1:33 
Non connesso

Iscritto il: 28/04/2016, 19:05
Messaggi: 804
Regione: Alabama
Bella la pistolona, ma anche incredibilmente dettagliata e ben scritta la recensione. Dovresti scrivere per le riviste di armi! Quanto l'hai pagata?

Attento ai solventi--si mangiano gli O-rings. L'O-ring e' l'unico dettaglio che non mi garba.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: H&K Mark 23
MessaggioInviato: 20/05/2017, 8:34 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 05/03/2016, 15:43
Messaggi: 348
Località: Ghenebe
Regione: Siben Komoine
Non è mia la recensione, ho riportato quanto relazionalo in una rivista di anni fa.
Mi son permesso di aprire questo 3D perchè è un'arma che non si vede in giro e non ha avuto gli apprezzamenti che si merita.
Forse perchè è un po' ingombrante, ha la sua specificità e non è proprio economica come una Glock, si trovano per 1800-1900 NEURONI.
Prima di questa ebbi una Glock 21-C in 45 ACP, ma dopo un anno feci scambio con conguaglio proprio per la Mark 23.
La Glock non l'ho mai digerita : Andry :
Fu una vera occasione, era nuova intonsa di un collezionista che cercava una Glock come la mia, volle 1000 € : WohoW : , gli diedi la mia con altri 500 €.
La Mark mangia di tutto, 200, 230, 240, 250 grani, ma la precisione migliore l'ho avuta con le 200 SWC.

_________________
Solo quando una zanzara si posa sui testicoli, ti rendi conto che c'è sempre un modo per risolvere i problemi senza usare la violenza


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Nonostante tutto, orgoglioso di essere italiano
Theme designed by stylerbb.net © 2008 modified by Ike
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it
Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]